Record di presenze al Lazio Green Film Festival

Record di presenze al Lazio Green Film Festival

Oltre mille presenze nella prima giornata di proiezioni del Concorso Internazionale “Lazio Green Film Festival”. Un successo inaspettato.

Che era un successo di film arrivati da tutto il mondo (oltre 300) per il concorso internazionale Lazio Green Film già si sapeva ma quello che non si sapeva era la risposta del pubblico. Nel primo giorno di proiezioni sono arrivate oltre mille presenze con la voglia di Green. Con questi numeri il Lazio Green Film diventa il più importante appuntamento di cinema dedicato all’ambiente del centro Italia.

Ai microfoni uno degli organizzatori del Green film, Pierre Marchionne afferma “stiamo dando voce a decine e decine di giovani produttori e registi che da tutto il mondo gridano, RIVOLUZIONE VERDE. Un vento nuovo, un vento green, una voglia di cambiamento parte questa volta non dal centro di una metropoli asfissiata dal traffico, ma dalle montagne dei Monti Lepini, a due passi da Roma, da Sezze, Sermoneta, Bassiano, Priverno. Questo territorio è pronto a scegliere il Green come modello di business, quindi di turismo, tradizioni e cultura.”

Sabato 21 dicembre 2019 alle ore 17 al centro storico di Sezze ci sarà la cerimonia di premiazione dei film finalisti con la sapiente conduzione di LIVIA AZZARITI volto storico di RAI UNO MATTINA.

Il direttore artistico “Giancarlo Loffarelli” svela i primi titoli che dovrebbe vincere il Festival Green. Il più papabile docu-film sembra essere “Wetlands, the Legacy of Luc Hoffmann” documentario di Stephan Rytz che racconta del più grande ornitologo e co-fondatore del WWF. Poi abbiamo “Queen without Land” del norvegese Asgeir Helgestad.

Film del norvegese Asgeir Helgestad

Per i lungometraggi a soggetto troviamo “The Man of Trees” di Salvatore Manca.

Nei cortometraggi troviamo “Only One World Left” di Alican Abaci della Turchia.

“All Eyes on the Amazzon” di Andrea Marinelli. “Plastic River” di Manuel Camia. “Asi vas el Mondo” del messicano Andrea Alvarez Sanchez. L’italianissimo “Acquamara” .

LAZIO GREEN FILM FESTIVAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *